E GUARDO IL MONDO DA UN OBLOT